Otorinolaringoiatria

Prenota Online!!

Otorinolaringoiatria

Verifica Disponibilità
Otorinolaringoiatra

 

L'Istituto Es dispone di specialisti in Otorinolaringoiatria.

L'Otorinolaringoiatra si occupa della diagnosi e della terapia delle patologie a carico di orecchie, naso, (avvalendosi anche, quando necessario, della citologia nasale) del cavo orofaringeo,  della gola o più in generale del distretto testa-collo.

 

Lo specialista otorino si occupa inoltre delle patologie definite vestibolari, che interessano cioè l'orecchio interno causando vertigini, perdita d'equilibrio e instabilità. 

Presso il nostro Centro è disponibile un' équipe medica composta da Otorinolaringoiatra, Logopedista e Foniatra per la diagnosi e il trattamento di disturbi legati alla voce.

L'Otorinolaringoiatra, avvalendosi anche della collaborazione con altri specialisti, si occupa anche di disturbi legati al sonno.

 

DISTURBI DEL SONNO

I disturbi respiratori in sonno comprendono una serie di quadri clinici, di diversa gravità, che vanno dal Russamento primario alla Sindrome delle Apnee Ostruttive in Sonno ( OSAS ).

Un disturbo della respirazione durante il sonno  è caratterizzato da ostruzione intermittente delle alte vie aeree che comporta:  Ipossia intermittente, ipercapnia, aumento dello sforzo respiratorio, frammentazione del sonno.

Le apnee ostruttive nel sonno interessano i bambini di tutte le età, dal neonato all’adolescente, con una maggiore prevalenza in età prescolare (dai 2 ai 6 anni).

Le cause alla base possono essere anatomico-strutturali, infiammatorie, neuromuscolari.

L’ipertrofia adenotonsillare rappresenta una causa di tipo anatomico-strutturale ma anche infiammatoria,  dettata dai ripetuti fatti flogistici che possono peggiorare il grado di ipertrofia del tessuto adenotonsillare stesso.

 

La terapia è sostanzialmente chirurgica e consiste nell’adenotonsillectomia.

 

Nei bambini affetti da OSAS è importante  una corretta valutazione diagnostico-terapeutica per evitare  ripercussioni sul sistema neurocognitivo (iperattività, deficit di attenzione), sul sistema neurovascolare e sul sistema metabolico.

Gli strumenti diaginostici utilizzabili sono:

  • La pulsossimetria notturna: è un valido strumento diagnostico e, quando positiva, si può porre diagnosi di OSAS e decidere il piano terapeutico in assenza di polisonnografia. La pulsossimetria gode, inoltre, di basso costo, semplicità di esecuzione e di un valore predittivo positivo pari al 97% per l’OSAS grave.
  • La poligrafia/ polisonnografia: in caso di esame negativo o inconcludente di pulsossimetria e in caso di persistenza dei sintomi il paziente dovrà essere seguito nel tempo e dove possibile eseguire una poligrafia (monitoraggio cardiorespiratorio) e/o polisonnografia.

 

 

 

catera-sebastiano.jpg

Dirigente medico di otorinolaringoiatria presso ASL TO2

screenshot-logo-per-sito-587.jpg

dirigente medico presso ASL TO2

Formazione